MENU

Comunicato stampa

 

Riqualificazione del Centro storico, approvate le linee guida per il bando di concorso

 

Il progetto dovrà avere come obiettivo la valorizzazione di Piazza Libertà, del Centro storico e dei suoi edifici di valore attraverso un'opera globale di riqualificazione degli spazi pubblici. Le azioni dovranno inoltre prevedere specifici interventi relativi a commercio, arredo urbano, design, acqua, illuminazione e mobilità, prevedendo di comprendere non solo il Centro ma anche gli spazi situati lungo gli assi stradali Nord-Sud ed Est-Ovest.

 

La Giunta Comunale ha approvato le linee guida - redatte dal Settore Pianificazione e Gestione del Territorio - per la redazione del bando di concorso di idee per la riqualificazione di Piazza Liberà e centro storico.

 

L'approvazione delle linee guida rappresenta uno step indispensabile per l'indizione di un concorso di idee rivolto a professionisti, volto ad ottenere una proposta di nuova riorganizzazione degli spazi della piazza.

 

L'ambito di intervento dovrà poi estendersi con interventi unitari non solo alla Piazza e alle sue pertinenze, ma anche al sistema degli assi Est-Ovest (da via Loreto verso il Cimitero) e Nord-Sud (dalla Chiesa Prepositurale e da piazza Maria Bambina attraverso piazza Craxi verso piazza IV novembre e Villa Reati) per la valorizzazione del tessuto del centro storico.

 

Nelle linee guida approvate dalla Giunta, propedeutiche alla redazione del bando e dei disciplinari di concorso, è specificata al professionista la richiesta di una progettualità che preveda interventi puntuali di modifica e miglioramento della piazza Libertà e degli spazi limitrofi, mantenendone una elevata flessibilità di utilizzo anche per eventi e manifestazioni.

 

All'interno delle Linee guida, è sottolineato il richiamo a Piazza Libertà quale "luogo di relazione" oltre che "punto di incontro, socializzazione e condivisione del tempo libero per bambini, ragazzi, famiglie e anziani".

 

In riferimento agli spazi urbani, si richiede di migliorare "l'integrazione degli edifici esistenti con gli spazi pubblici", "la presenza, la qualità, la fruibilità e la visibilità delle aree a verde" e "la sicurezza generale e la visibilità degli spazi anche nelle ore notturne".

 

Relativamente al Commercio, le Linee guida sottolineano come la progettualità debba "favorire il consolidamento, la densificazione e l'ampliamento del tessuto commerciale del centro nell'ottica di un centro commerciale naturale" e di "attirare visitatori per la qualità dell'ambiente urbano protetto, la dotazione di servizi, la presenza di attività commerciali di qualità e una agevole accessibilità".

 

Un paragrafo specifico riguarda Arredo urbano e Design, la cui progettazione dovrà favorire "la sosta, la socializzazione e la condivisione intergenerazionale", creando "un sistema di elementi di arredo di qualità che riflettano e richiamino il ruolo di Lissone come «città del mobile e del design» nonché le potenzialità del suo tessuto produttivo". Si dovrà inoltre porre "particolare attenzione alla durabilità e manutenibilità nel tempo di tutti i manufatti, nonché alla possibilità di riciclaggio finale dei relativi materiali".

 

Per quanto riguarda Acqua e Illuminazione, è previsto il rinnovo del sistema di illuminazione dei percorsi e degli spazi ed edifici pubblici, la valorizzazione e il miglioramento del sistema esistente delle acque come punto attrattivo in continuità con la fontana di piazza IV Novembre.

 

In termini di mobilità, il progetto dovrà prevedere il miglioramento "del sistema dell'accessibilità sia veicolare che dolce nel contesto di una zona protetta" e il miglioramento della sosta "al contorno dell'ambito e della sicurezza del parcheggio interrato dietro Villa Magatti". Dovrà inoltre essere garantita l'abbattimento di qualsiasi barriera architettonica e la migliorata accessibilità al trasporto pubblico.

 

L'intervento deve essere attuabile e realizzabile e dovrà essere coerente con gli strumenti di pianificazione e regolamentazione urbanistico-edilizia. Verrà richiesta la preventivazione di una stima dei costi.

 

Lissone, 10 agosto 2018

 

 
 
Ultima Modifica: 10/08/2018