MENU

Imposta comunale sulla pubblicità

Cos'è

E' l'imposta - diversa da quella del diritto sulle pubbliche affissioni - dovuta per la diffusione di messaggi pubblicitari effettuata attraverso forme di comunicazione visive o acustiche in luoghi pubblici o aperti al pubblico, o che sia da tali luoghi percepibile.
Le tipologie di pubblicità attuabili sono classificate in: 

  1. pubblicità ordinaria effettuata mediante insegne, cartelli, locandine, targhe, stendardi e con qualsiasi altro mezzo non rientrante tra quelli successivamente indicati;
  2. pubblicità effettuata con veicoli;
  3. pubblicità effettuata con pannelli luminosi e proiezioni;
  4. pubblicità varia effettuata mediante striscioni e festoni che attraversano strade o piazze, palloni frenati, distribuzione di manifestini o altro materiale, persone circolanti con cartelli, pubblicità fonica.

Normativa di riferimento: D. Lgs. 507/1993.

 

Come e quando

Per le nuove forme pubblicitarie da esporre (insegne di esercizio, pannelli luminosi, totem, cartelloni, ecc.) è necessario richiedere apposita autorizzazione all' ufficio Edilizia  Privata. 
L'autorizzazione non è necessaria in caso di volantinaggio e di esposizione di locandine per le quali ci si deve rivolgere direttamente all'Unità Entrate e Catasto.
Per la pubblicità cosiddetta varia, prima di rivolgersi all'Unità Entrate e Catasto, si consiglia di verificare la necessità di acquisire apposita autorizzazione presso l'Ufficio Edilizia  Privata.

Successivamente al rilascio dell'autorizzazione e, in ogni caso, prima di esporre i mezzi pubblicitari o di iniziare la pubblicità, il richiedente dovrà presentare una dichiarazione all'Unità Entrate e Catasto con l'indicazione delle caratteristiche, quantità, ubicazione, dimensioni e testo dei messaggi/scritte pubblicitarie. La dichiarazione deve essere presentata anche nel caso di variazione della pubblicità che comporti la modifica nell'applicazione dell'imposta.

La dichiarazione della pubblicità annuale ha effetto anche per gli anni successivi, purché non si verifichino modificazioni degli elementi dichiarati cui consegua un diverso ammontare dell'imposta dovuta; l'esposizione dei mezzi pubblicitari si intende prorogata con il pagamento della relativa imposta.
In caso di dismissione di mezzi pubblicitari avvenuta entro il 31 dicembre, la relativa dichiarazione di cessazione deve essere presentata entro il 31 gennaio dell'anno successivo, altrimenti l'esposizione degli stessi si intende prorogata e l'imposta dovuta.
Il versamento della pubblicità permanente deve essere effettuato annualmente con scadenza nel mese di aprile e comunque al verificarsi di ogni nuovo presupposto; in caso di pubblicità temporanea il versamento va effettuato all'atto del rilascio dell'autorizzazione. 
Il versamento dell'imposta può essere effettuato:

  1. sul c/c postale n. 30780209 intestato a "COMUNE LISSONE IMPOSTA PUBBLICITA' E AFFISSIONI SERVIZIO TESORERIA"
  2. con bonifico bancario sul c/c intestato a "COMUNE LISSONE IMPOSTA PUBBLICITA' E AFFISSIONI SERVIZIO TESORERIA" IBAN IT 58 Z 0760101600 000030780209 ;
  3. tramite PAGOBANCOMAT direttamente allo sportello;
  4. in contanti direttamente allo sportello, solo per l'imposta temporanea, e sino ad € 65,00;             
ATTENZIONE:  Con deliberazione di Giunta Comunale n. 8 dell'11/01/2017 il termine per il versamento dell'Imposta sulla pubblicità annuale e della prima rata della stessa, nel caso di importi suddivisibili in quattro rate, è stato differito per il 2017 al 31/05/2017.

Per il versamento del diritto sulle pubbliche affissioni è invece necessario rivolgersi a A.S.M.L. S.p.A. . 
> > Consulta su questo sito la pagina servizio sulle pubbliche affissioni.

 

Costo

L'imposta per la pubblicità ordinaria si applica per anno solare e per metro quadrato di superficie, e si determina in base alle tariffe stabilite con delibera approvata ogni anno dal Comune, tenuto conto che sulle stesse incidono:

  1. dimensione dei mezzi, in quanto le tariffe sono suddivise per classi di superficie
  2. presenza o meno di illuminazione (pubblicità luminosa o illuminata)
  3. ubicazione in una delle due diverse categorie di strade (speciale o ordinaria)                 

Per la pubblicità che ha durata non superiore a tre mesi si applica, per ogni mese o frazione, una tariffa pari ad un decimo di quella annua. Per la pubblicità che ha durata superiore a tre mesi si applica la tariffa annua.
L'imposta sulla pubblicità è determinata in base alla superficie della minima figura piana geometrica nella quale è circoscritto il mezzo pubblicitario, indipendentemente dal numero dei messaggi nello stesso contenuti. Per i mezzi polifacciali è calcolata in base alla superficie complessiva adibita alla pubblicità.
Per le iscrizioni costituite da singole lettere, anche distanti fra loro, l'imposta è calcolata in base alla figura che comprende l'intera iscrizione.
Le superfici inferiori ad un metro quadrato sono arrotondate, per eccesso, al metro quadrato e le frazioni di esso, oltre il primo, a mezzo metro quadrato.
L'imposta non è dovuta per le insegne di esercizio di attività commerciali e di produzione di beni o servizi che contraddistinguono la sede ove si svolge l'attività cui si riferiscono, di superficie complessiva fino a 5 metri quadrati. Per le insegne di esercizio di superficie complessiva superiore ai 5 metri quadrati l'imposta è in ogni caso dovuta per l'intera superficie.  

L'imposta sulla pubblicità effettuata per proprio conto con veicoli dell'impresa o adibiti ai trasporti per conto della stessa, è dovuta per anno solare con tariffa in misura fissa, diversificata a seconda della portata del veicolo e della presenza o meno di rimorchio, con esenzione nel caso in cui le indicazioni apposte sul veicolo siano massimo due, ciascuna con superficie massima pari a mezzo metro quadrato e riportanti esclusivamente il marchio, la ragione sociale e l'indirizzo dell'impresa.
L'imposta sulla pubblicità con striscioni o altri mezzi simili che attraversano strade o piazze si applica in base alle dimensioni delle scritte in metri quadrati, con tariffe applicabili per periodi di quindici giorni e variabili a seconda dell'ubicazione dei mezzi stessi.
L'imposta sulla pubblicità effettuata mediante volantinaggio si applica in base ad una tariffa al giorno e per ciascuna persona impegnata nel volantinaggio stesso.
Per le altre tipologie di pubblicità si rimanda alla normativa di riferimento e al regolamento comunale.

 

Tariffe

 

Ravvedimento operoso

 

Info Unità Entrate e Catasto

 
  1. Dov'è l'ufficio: Palazzo Comunale - 3° Piano
  2. Recapiti: Tel. 0397397 229 / 230 / 231 / 338 / 355 -  Fax: 039 7397291 
  3. Email: tributi@comune.lissone.mb.it
  4. Orario:   lunedì 8.30 - 13.30 / 14.30 - 18.00
    1. martedì, giovedì e venerdì  8.30 - 13.30 
    2. mercoledì  14.30 - 18.00
    3. sabato  chiuso

Responsabile del servizio: Dott. Walter Blasi 
Dirigente di settore: Dott. Giovanni Magni

 
 
Ultima Modifica: 07/02/2017