Diario in Comune

 

11 Gennaio 2017

A difesa della Linea Z227

 

Nei giorni scorsi, mi avete vista in Piazza, al mercato.... Mi avete vista intenta a raccogliere firme contro la soppressione della Linea z227.

 

Appena saputa la notizia del possibile cancellamento di una tratta che unisce la nostra città con Monza, Muggiò, Cinisello e Sesto San Giovanni, mi sono sentita quasi in dovere di rivolgermi a voi. Proprio come voi fate con me, ho avvertito come indispensabile il vostro sostegno e il vostro supporto.

 

Insieme si vincono le battaglie più impegnative. E tutelare la linea z227 è una di queste.

 

Per scongiurare il taglio alla linea di autobus z227 annunciato nel corso dell'Assemblea dei Sindaci di Monza e Brianza dello scorso 29 dicembre 2016, dobbiamo mandare un segnale chiaro agli Enti preposti.

 

Dobbiamo essere in tanti. Dobbiamo far sentire il peso delle nostre opinioni. E la raccolta firme è uno strumento che ha un peso fondamentale

 

Ecco perché sono scesa in Piazza con voi e per voi. In poche ore abbiamo raccolto quasi mille firme. Numeri che dimostrano quanto il problema sia avvertito dalla popolazione.

 

Dico grazie a chi nei giorni di festa, poche ore dopo l'Epifania, lunedì mattina al mercato, nonostante la fretta e il freddo si è fermato per ascoltare e per capire le ragioni di questa petizione.

 

Lissone ha risposto con quell'attenzione che non ha mai perso in questi anni.

 
bus

Tagliando la linea z227 verrà a mancare un fondamentale collegamento di mobilità pubblica verso l'ospedale San Gerardo e verso gli istituti superiori di Muggiò. Mancherà un'alternativa per raggiungere Sesto San Giovanni.

 

Migliaia di persone saranno costrette ad utilizzare l'auto, vanificando il nostro impegno per la lotta all'inquinamento. L'Ipsia Meroni, la nostra eccellenza formativa del settore mobiliero, verrà privata di un fondamentale collegamento.

 

Ecco perché la vostra firma è stata importante.

 

Sopprimere gli autobus è un'azione contraria anche al raggiungimento degli obiettivi previsti dal Piano territoriale degli orari, voluto fortemente da Regione Lombardia. Inoltre, privare l'utenza di questo servizio significa togliere la possibilità di conciliare famiglia e lavoro.

 

Ora, occorre che ciascun ente svolga al meglio il proprio ruolo. Che tutti assieme si giunga ad una soluzione condivisa.

 

Grazie al supporto che ci avete dato, la voce mia e degli altri sindaci che stanno combattendo questa battaglia sulla linea z227 avrà più forza. E, sono certa, non potrà rimanere inascoltata.

 

La raccolta firme continua: venite a firmare in Comune, potete anche prendere un modulo e diventare voi stessi promotori.


GRAZIE!

 

 
Ultima Modifica: 11/01/2017