Comunicato stampa

 

Ex Oratorio San Luigi e cineteatro Excelsior, al via l'iter per la piena riqualificazione. Gli spazi destinati a formazione e cultura

Nuovi spazi per favorire la formazione delle giovani generazioni e la contestuale creazione di luoghi idonei a generare cultura in città. Con l'approvazione della modifica del Piano dei Servizi del PGT vigente, il Consiglio Comunale di Lissone ha dato il via al processo di rilancio dell'ex Oratorio San Luigi e del Cineteatro Excelsior, modificando l'originale destinazione religiosa dei due immobili.

 

In particolare, la scelta dell'Aula, presentata dall'assessore alla Pianificazione territoriale Antonio Erba, va nella direzione di agevolare la richiesta di insediamento di un Centro di formazione professionale nell'area dell'ex oratorio e della chiesa in via don Colnaghi, per il quale esiste già un contratto preliminare di compravendita fra l'attuale proprietà (la Parrocchia dei SS. Apostoli Pietro e Paolo) e un nuovo soggetto (Ente Cattolico di Formazione Professionale - E.C.Fo.P).

"Con questa decisione, l'Amministrazione Comunale compie una scelta precisa, di interesse pubblico, per favorire il recupero di edifici che risultano da tempo inutilizzati e dismessi, ma che sono al tempo stesso parte integrante della storia della nostra comunità - afferma l'assessore Erba - la modifica della destinazione d'uso dei due edifici vuole favorire il recupero dell'intero ambito, alla luce del concreto interesse manifestato da un Ente che si occupa di formare ed educare i più giovani. È una sfida che coinvolgerà l'intera città di Lissone e che, una volta andata in porto, consentirà di fruire sul nostro territorio di un luogo di formazione e specializzazione".

L'Ente Cattolico di Formazione Professionale (E.C.Fo.P.) ha infatti avanzato una concreta proposta di acquisto dell'ex Oratorio per insediarvi una scuola di formazione professionale. La proposta di acquisto riguarda anche la Chiesa, la cui vocazione non verrà in alcun modo modificata, preservando così i sacrifici economici dei lissonesi che la vollero realizzare nel secolo scorso.

 

Peraltro, la vocazione alla formazione dell'Oratorio San Luigi e degli edifici di via don Colnaghi non è una novità assoluta per la storia della struttura, in quanto già in passato vi sono state svolte numerose funzioni di servizio per la collettività. Parte dei locali dell'oratorio in passato erano già stati utilizzati come scuola, E.C.Fo.P. si presenta come Ente senza scopo di lucro con una mission rivolta all'educazione e alla formazione dei giovani; i corsi organizzati dall'Ente sono offerti gratuitamente agli studenti iscritti, in quanto finanziati interamente da Regione Lombardia, una virtuosità che potrebbe trovare spazio anche a Lissone.

La modifica relativa all'ex Cineteatro Excelsior poggia le fondamenta sullo storico utilizzo dell'immobile per funzioni di carattere culturali, in questo caso è in corso un dialogo fra proprietà e Comune per valutare l'acquisto dell'edificio come patrimonio pubblico.

"Dopo anni di chiusura degli spazi dell'ex Oratorio a cui hanno fatto seguito accurate fasi di interlocuzione fra le parti nelle quali il Comune, pur nel rispetto del proprio ruolo, si è posto l'obiettivo di rilanciare l'intero comparto di via don Colnaghi - sottolinea Concettina Monguzzi, sindaco di Lissone - oggi poniamo le basi per restituire ai lissonesi un bene costruito con la generosità di chi ci ha preceduto. Cambierà la finalità d'utilizzo, ma l'ex Oratorio e il Cineteatro resteranno spazi in cui si possa crescere come persone sia in ambito lavorativo, che a livello personale. Per la nostra città è una svolta epocale, ma il percorso non è finito qui. Lissone ha la necessità di nuovi spazi nei quali poter svolgere le proprie attività culturali, spazi che si affianchino a quelli attualmente presenti. Ed è necessario che, come avvenuto nei decenni passati, l'ex Oratorio e l'ex Cineteatro camminino fianco a fianco nell'offerta educativa alla città. Sotto questo punto di vista, l'Amministrazione Comunale ha intenzione di fare la propria parte già nei prossimi mesi, avviando l'iter per la completa riqualificazione di uno spazio prezioso, dall'elevato valore simbolico e collettivo". 

 
 

Lissone, 14 Dicembre 2021


 
Ultima Modifica: 14/12/2021