Coronavirus: Lombardia in "zona gialla" dal 26 aprile 2021

In base all'Ordinanza del Ministro della Salute del 23 aprile 2021, da lunedì 26 aprile la Lombardia passa in "zona gialla". 
Entrano pertanto in vigore su tutto il territorio regionale le disposizioni previste per tale fascia dal Decreto-Legge n. 52

OBBLIGHI - APERTURE

  • E' consentito spostarsi all'interno del territorio regionale dalle ore 5 alle ore 22 senza motivare lo spostamento. Dopo le ore 22 e fino alle ore 5 del giorno successivo sono vietati tutti gli spostamenti, ad eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze.
  • E' consentito lo spostamento verso una sola abitazione privata una volta al giorno, dalle 5 alle 22, a 4 persone oltre a quelle già conviventi nell'abitazione di destinazione
  • Sono consentiti gli spostamenti tra le Regioni diverse nelle zone bianca e gialla. Inoltre, alle persone munite della 'certificazione verde', sono consentiti gli spostamenti anche in zona arancione o rossa.
  • A bordo dei mezzi pubblici la capienza è limitata ad un massimo del 50% del totale.
  • Le attività commerciali al dettaglio sono consentite, a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza interpersonale di un metro e che gli ingressi avvengano in modo dilazionato.
  • Sono consentite le attività dei servizi di ristorazione, con consumo al tavolo esclusivamente all'aperto e anche a cena (dalle ore 5 alle ore 22). Il consumo al tavolo è consentito per 4 persone per tavolo.
  • La consegna a domicilio è sempre consentita senza restrizioni di orario. La ristorazione con asporto è consentita fino alle 22, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.
  • L'apertura al pubblico dei musei è assicurata previa prenotazione
  • Scuole secondarie di secondo grado aperte con attività didattica in presenza ad almeno il 70%.
  • Le attività didattiche ed educative per i nidi, scuole materne, scuole primarie e scuole secondarie di primo grado si svolgono in presenza. È obbligatorio usare DPI, salvo che sotto i 6 anni.
  • Riaprono al pubblico cinema, teatri, sale concerto, live club. È necessario che ci siano posti a sedere preassegnati distanziati di un metro. La capienza massima consentita è del 50% di quella massima autorizzata e comunque non superiore a 500 spettatori al chiuso e 1000 all'aperto.
  • Consentito lo svolgimento all'aperto di qualsiasi attività sportiva anche di squadra e di contatto, resta interdetto l'uso degli spogliatoi.
  • È consentito lo svolgimento di attività sportiva o attività motoria all'aperto anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l'attività sportiva e di almeno un metro per l'attività motoria.

DIVIETI - SOSPENSIONI - CHIUSURE

  • Nelle giornate festive e prefestive confermata la chiusura degli esercizi commerciali all'interno dei centri commerciali, ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, presìdi sanitari, lavanderie e tintorie, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole e librerie
  • Rimangono chiusi i centri scommesse e giochi ovunque collocati.
  • Vietate le attività che abbiano luogo in sale da ballo, discoteche e locali simili. Sono sospesi convegni, congressi e altri eventi, ad eccezione di quelli in modalità a distanza. Sono inoltre vietate sagre, fiere di qualunque genere ed altri eventi analoghi.
  • Chiusura di piscine e palestre.
 

Allegati

 

 
Ultima Modifica: 28/04/2021