MENU

Diario in Comune

 

1 ottobre 2018

 

Un premio alle nostre eccellenze

 

"Fondata negli anni '70, è un esempio dello sviluppo del settore legno da bottega artigianale a industria, punto di riferimento del territorio provinciale. Oggi è riconosciuta unanimemente come leader nella commercializzazione del pannello truciolare su richiesta".

 

Inizia così la motivazione dell'assegnazione della benemerenza Premio Beato Talamoni che il prossimo 3 ottobre sarà consegnata dalla Provincia di Monza e della Brianza all'azienda Cleaf di Lissone.

 

Questo riconoscimento è, per la nostra città, un fondamentale attestato di merito che mi sento di estendere alle tante imprese che negli anni hanno saputo evolversi, tecnologizzarsi, estendersi, espandersi, internazionalizzarsi.

 

Abbiamo quotidianamente sotto i nostri occhi, spesso vicinissime alle nostre abitazioni, esempi di aziende che sono autentiche eccellenze mondiali, capaci di far propria la laboriosità lissonese ed esaltarla associandole il gusto del design che rende unico il Made in Italy.

 

Mercoledì 3 ottobre rappresenterò la Città di Lissone nel momento della consegna del Premio Beato Talamoni, istituito dall'anno 2011 dalla Provincia di Monza e della Brianza. Un riconoscimento che viene conferito annualmente a cinque eccellenze del territorio che si siano distinte nel mondo dell'impresa, della cultura, dell'arte, del sociale, dello sport o in altri settori.

 

La solenne cerimonia di conferimento con la consegna della medaglia da parte del Presidente sarà preceduta dalla lettura delle motivazioni. Condivido con voi la motivazione che ha portato all'individuazione di Cleaf come meritevole del premio provinciale.

 

"Fondata negli anni '70, è un esempio dello sviluppo del settore legno da bottega artigianale a industria, punto di riferimento del territorio provinciale. Oggi è riconosciuta unanimemente come leader nella commercializzazione del pannello truciolare su richiesta. Cleaf vanta un know-how nella produzione di superfici per l'industria del mobile e per interior design, che mette a disposizione delle imprese del distretto e del cliente finale. Grazie a impianti tecnologici unici e tra i più aggiornati del settore, e a tecniche di lavorazione stato dell'arte, Cleaf è oggi un'azienda versatile ed essenziale per il settore, che spazia dai processi di nobilitazione, sezionatura, bordatura, alle più recenti tecniche di stampa digitale e pannello nobilitato melaminico sottile per porte.

 

Dal 2013 l'Azienda ha strutturato C Cube, uno spazio, un luogo di interazione tra i progettisti, le aziende, i buyer e Cleaf research lab.

 

C Cube è espressione del DNA estetico, sensoriale e tecnologico di Cleaf, attraverso il lavoro quotidiano di un diversificato team propone un concetto di created in Italy fatto di esplorazione tecnica e tecnologica, tattile e cromatica.

 

C Cube è il luogo di incontro-studio di studenti e di esperienze progettate al Politecnico di Milano e realizzate in loco.

 

Il nome CLEAF è legato a competizioni sportive territoriali, quali la Coppa Agostoni (gara ciclistica) e all'interno dello spazio che l'Azienda mette a disposizione, viene organizzata la presentazione e l'iscrizione delle squadre prima della partenza.

 

I proprietari, famiglia Caspani, sono cresciuti a Lissone nella Frazione Bareggia che è situata tra i comuni di Lissone e Macherio e partecipano attivamente alla vita della comunità, della frazione e della Parrocchia.

 

Nel rapporto 2017 Top 500+ Le eccellenze di Monza e Brianza a cura di Assolombarda - Confindustria Milano Monza e Brianza, la CLEAF si posiziona fra le prime 100 per fatturato".


 
Ultima Modifica: 01/10/2018