Comunicato stampa

 

Riduzioni sulla TARI per le imprese che donano eccedenze alimentari

Riduzioni sulla TARI per le imprese che donano eccedenze alimentari.

Il Consiglio Comunale di Lissone ha approvato il Regolamento della Tassa sui rifiuti (TARI), introducendo nuove agevolazioni per gli operatori commerciali che donano le eccedenze alimentari a progetti del territorio. 

Le attività commerciali, industriali e professionali che producono e distribuiscono beni alimentari potranno così ottenere riduzioni fino al 20 per cento sulla parte variabile della TARI. La percentuale di riduzione sarà concessa in proporzione alla quantità di cibo donato. 

Per poter usufruire della riduzione, le imprese dovranno infatti presentare una dichiarazione contenente la stima delle quantità che intendono donare e l'indicazione delle organizzazioni alla quale le eccedenze saranno consegnate. Lo sconto sarà applicato a conguaglio nell'anno successivo.

I potenziali donatori potranno essere negozi, supermercati, ristoranti, birrerie, hamburgherie. La donazione dovrà essere effettuata prioritariamente a favore di persone indigenti ed in maggiori condizioni di bisogno.

"La Città di Lissone, con il supporto di importanti partnership tecniche ed economiche, ha da poco inaugurato un nuovo spazio per la distribuzione dei prodotti freschi - sottolineano il Sindaco Concettina Monguzzi e l'Assessore alle Risorse finanziarie Domenico Colnaghi - con questo gesto, mostriamo concreta condivisione con chi si impegna, al nostro fianco, nella lotta allo spreco alimentare. È questa l'ennesima riduzione etica della TARI, che già abbiamo introdotto per gli esercizi commerciali che rinunciano alle slot machines".

Per accedere al riconoscimento del beneficio di riduzione, il contribuente dovrà presentare una dichiarazione iniziale redatta sull'apposito modulo che verrà predisposto dall'Amministrazione Comunale, nel quale il contribuente dichiara di aderire ad uno o più progetti sul territorio comunale fornendo al tempo stesso una stima dei quantitativi di beni alimentari che verranno ceduti gratuitamente.

 

Lissone, 28 Luglio 2020


 
Ultima Modifica: 28/07/2020