14 agosto 2012
 
Antonio Crisafulli

 
 
 

La notizia della morte dell'ispettore Antonio Crisafulli è una di quelle notizie che ti lasciano senza parole e ti colpiscono con violenza.

 
 

Dopo un attimo di silenzio decido che è importante ed indispensabile far sentire la vicinanza dell'Amministrazione e dei cittadini alla signora Barbara e a tutta la famiglia.
Lei mi accoglie con tutto il suo dolore e mi racconta lentamente, con tristezza e disperazione quegli attimi concitati.
E' impaurita, indifesa; " voglio il mio Amore" ripete in continuazione.
Io non ho parole. Meglio il silenzio. Il silenzio vero ricco di sentimenti di affetto e vicinanza.

 

Le consegno due righe, scritte perchè non voglio che la mia visita a nome della comunità di Lissone sia banale e "di rito".

 

E le lascio un ABBRACCIO profondo, grande.
Abbraccio che ha il significato di raccogliere un po' del suo dolore.
Abbraccio che ha il significato di forza, sostegno.
Sono sicura che è ciò che ognuno di noi vorrebbe regalarle: un pezzetto della propria forza per permettere a lei di affrontare ciò che sta vivendo.
Un abbraccio per comunicarle che non si è da soli. Mai. Anche se la disperazione ci isola.

 

Un abbraccio all'ispettore Nino, abbraccio di ringraziamento per il suo impegno civico, per aver vissuto con dedizione e passione il suo essere al servizio dei cittadini, mai ad ore.

 

Le persone che se ne vanno lasciano dentro di noi tracce preziose.
Sono per noi segni che guidano il nostro cammino.

 
Ultima Modifica: 17/10/2012