11 Ottobre 2012
 
Visita all'LS1

 
 

Sono in visita con una delegazione importante al quartiereLS1: nuove case ALER, stato dei lavori, stecca da abbattere.

 

Entriamo nel cantiere: le nuove case sono veramente luminose e ben costruite, con attenzione all'efficienza energetica; ampi i garage e perimetrati gli spazi verdi attorno ad ogni costruzione.

 

Il crono-programma è rispettato e tra pochi mesi incomincerà il trasloco.

 

Molte persone si affacciano alle piccole finestre delle proprie case e ci osservano con sospetto.

 

Noi osserviamo il degrado, gli atti vandalici, i rifiuti depositati e gettati in un giardino, riposti senza regola. Carcasse di auto e incuria ovunque. Si nota la differenza solo in alcune scale: pulite, ordinate, non trascurate.

 

Avanzo e osservo. Mi chiedo come possano delle persone non avere cura del posto dove abitano, come possano che i propri figli, "bene più prezioso", crescano abituandosi all'incuria e al degrado.

 

Mi avvicinano alcune persone:
 "Ci aiuti a far sì che tutto questo non si ripeta. Non voglio più vivere vicino a chi non rispetta la mia vita e distrugge dove io cerco di costruire"
" Sono stanca di vivere così"
 "La mia scala è pulita, guardi! Noi ci autogestiamo, siamo responsabili, ma molti altri se ne fregano"
" Io pago l'affitto, perché altri non lo fanno? Avranno lo stesso la casa?"

 

Mi sento addosso gli occhi di tutti, occhi speranzosi e anche diffidenti. Mi rendo conto, ancora una volta dell'importanza dell'intervento che dobbiamo gestire. E' una sfida che dobbiamo vincere.

 

Voglio che questa parte di Lissone riviva nella correttezza e nella legalità. Capisco che ha bisogno di una grande attenzione e di un impegno consistente.

 

Noi ci siamo.

 

Adagio, lentamente scendo le scale e mi lascio alle spalle i lunghi portici. Ma dentro di me sono ben consolidate le mie responsabilità.

 

So che devo farcela. Tutta Lissone deve farcela!!

 
 
Ultima Modifica: 17/10/2012