MENU

IL SOGNO BIANCO

LUCIO POZZI

IL SOGNO BIANCO - LUCIO POZZI

10 maggio - 8 giugno 2014

PIANO INTERRATO

INAUGURAZIONE E PERFORMANCE
sabato 10 maggio dalle ore 12 fino alle 20

      
a cura di  ALBERTO ZANCHETTA

INGRESSO LIBERO

 

Lucio Pozzi [Milano, 1935] sarà protagonista di una "pitturazione" che si svolgerà il 10 maggio dalle ore 12:00 fino alle ore 20:00 (le "assurde otto ore di ufficio" svolte dalla maggior parte delle persone), dando prova dei temi che da oltre un decennio ricorrono nella pittura dell'artista: l'atto stesso del dipingere e la sua estensione teatrale. In questo senso, Il Sogno Biancodi Pozzi non è solo un quadro ma anche un evento; il titolo scelto dall'artista si pone come un ossimoro, perché l'opera è dipinta con del colore nero: «Forse questo titolo addita all'importanza degli spazi negativi fra le forme nere, ma può anche alludere al vuoto trascendente che si intreccia nella nostra esistenza piena di detriti».

Dall'ossimoro all'agone: al MAC di Lissone Pozzi si cimenterà con una tela alta due metri e lunga dieci, gigantismo che sancisce una sfida con se stesso (non finalizzata a stupire o dimostrare alcunché), "condizione estrema" che permetterà all'artista di far fluire in diretta pensieri e sensibilità, senza remore o filtri. La grande tela verrà dipinta in pubblico, mettendo così a nudo il conflitto amoroso che intercorre fra il pittore e lo spettatore.

L'evento pittorico non coinvolgerà soltanto Pozzi, ma anche altri artisti, musicisti e spettatori. Nell'arco delle otto ore di "pitturazione", Stefano Castagna e Luca Formentini produrranno suoni per mezzo di strumenti da loro costruiti, e allo scoccare di ogni ora riceveranno la visita di altri musicisti - Pino Dieni , Roberto Zorzi, Maddalena Fasoli, Max Foti , Vittorio Guindani- che collaboreranno alla produzione sonora. Alla mezza di ogni ora, una persona scelta tra il pubblico sarà invece invitata a piantare un chiodo all'interno delle campiture nere dipinte sulla tela per appendervi un piccolo quadro fatto pervenire da otto artisti amici di Pozzi. Attraverso il pubblico si stabilirà un'imprevedibile collaborazione con le opere di Luca Bertolo, David Lindberg , Filippo Manzini, Maria Morganti, Albano Morandi, Luca Pozzi, Lorenza Sannai e LynnUmlauf.


L'ambiente nel quale si svolgerà l'azione sarà  considerato parte integrale dell'opera: fruibile nel suo aspetto disadorno, con le tracce di allestimenti precedenti e lasciando a vista le prese elettriche, gli estintori e la segnaletica di servizio. Nella sala verranno sparse alcune sedie, atte a formare piccoli nuclei di conversazione, nei quali gli spettatori si potranno accomodare per riposare o chiacchierare. L'andirivieni e le voci delle persone presenti in sala concorreranno in pari modo a definire l'evento in "corso d'opera", che sarà registrato e proiettato nelle quattro settimane successive alla serata inaugurale.

Dopo aver vissuto qualche anno a Roma, dove aveva studiato architettura senza conseguire la laurea, Lucio Pozzi si reca negli Stati Uniti come ospite dell'Harvard International Seminar. Più tardi si trasferisce a New York e prende la cittadinanza americana. Ora divide il suo tempo tra gli studi di Hudson (NY) e Valeggio sul Mincio (VR).

La pratica transdisciplinare di Pozzi consiste nel dipingere pittura figurativa e astratta, generare fotografie e performances, costruire installazioni o produrre video. Sue opere sono presenti in musei internazionali e collezioni private. Oltre alle grandi mostre all'Università del Massachusetts, al Fabrikculture di Hegenheim/Basel e nei Musei tedeschi di Bielefeld e Karlsruhe, sono altrettanto significative le mostre inaugurate nelle gallerie di Leo Castelli, John Weber, Susan Caldwell, Carlo Grossetti, Roberto Peccolo, Stefania Miscetti, Carlo e Simone Frittelli. Nel 1977 è stato invitato alla Documenta 6 e nel 1980 ha esposto nel Padiglione americano della XXXIX Biennale di Venezia

Info

museo@comune.lissone.mb.it
tel. 039 7397368 - 039 2145174
 

Orari

Martedì, Mercoledì e Venerdì  15.00 - 19.00
Giovedì  15.00 - 23.00
Sabato e Domenica  10.00- 12.00  / 15.00 - 19.00

 

 
Ultima Modifica: 25/05/2014