Diario in Comune

 

15 marzo 2017

 

Tiriamo le somme

 

Cari Lissonesi,

 

questi cinque anni al vostro servizio sono stati un'avventura che mi ha veramente cambiato la vita. Ci sono state fatiche e difficoltà, non lo nego, ma sentire la responsabilità di 45.000 persone è stato per certi versi emozionante.

 

Come insegnante ero abituata a farmi carico di situazioni umane anche delicate, come quelle dei bambini; fare il Sindaco di Lissone ha moltiplicato la mia sensibilità e attenzione per tanti e tanti uomini e donne in più. Porto dunque con me ricordi indimenticabili, di cui vi ringrazio.

 

In questi 5 anni il mondo, l'Italia e naturalmente anche la nostra città sono cambiati. Insieme abbiamo vissuto i tempi duri della crisi, abbiamo attraversato un periodo in cui i lissonesi ci hanno chiesto più servizi sociali - mentre le risorse disponibili diminuivano.

 

Abbiamo fatto il possibile e l'impossibile per stare al passo con queste emergenze, dedicando proprio ai più deboli il massimo delle nostre cure. Naturalmente quello che si fa non basta mai e siamo consapevoli che si deve fare ancora molto altro.

 

Abbiamo però assistito anche a cambiamenti positivi, che denotano il tenace lavoro svolto dal 2012 ad oggi. Lissone è cresciuta - e noi con lei -, si è sviluppata non solo demograficamente, si è evoluta dal punto di vista sociale e imprenditoriale mantenendo una importante vivacità culturale e rilanciando anche in occasione di Expo 2015 il proprio marchio di città del mobile, dell'arredo e del design.

 

Ho assistito personalmente a tanti sforzi per sviluppare progetti comuni, e ho visto la passione che tanti di voi mettono nel raggiungere obiettivi di crescita. Sono risorse preziose che costituiscono un patrimonio incommensurabile.

 

A conclusione di questo mandato, è il momento di «tirare le somme» e fare il punto del lavoro svolto dal 2012 ad oggi. Come Amministrazione Comunale abbiamo scelto di farlo con questa sintesi, che speriamo risulti chiara e diretta. Il Bilancio Sociale non è obbligatorio, ogni Comune sceglie se e come farlo; a Lissone mai era stato redatto prima d'ora.

 

Numeri alla mano, avete qui a disposizione uno strumento per conoscere e valutare come sono stati spesi i soldi di noi tutti e con quali risultati, con trasparenza e senza enfasi: un rendiconto che abbiamo voluto si basasse su elementi oggettivi - 5 obiettivi, 5 cifre, 50 opere pubbliche... - gli stessi che hanno guidato il nostro impegno fin dal programma di mandato. I numeri sono sempre utili, ma spesso possono apparire "freddi".

 

Io vorrei invece che sotto queste cifre poteste percepire tutto il calore che io e i miei collaboratori (i dipendenti comunali, i consiglieri, gli assessori...) abbiamo messo in ognuno di essi, cercando di ottenere ogni risultato - dal più picco-lo al più grande - per il bene della città.

 

Vi assicuro che è stato così.

 

In allegato


 
Ultima Modifica: 21/03/2017