DPCM del 24 ottobre 2020 e ulteriori restrizioni per la Regione Lombardia

 

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte ha firmato il DPCM del 24 ottobre, valido fino al 24 novembre, che introduce misure urgenti connesse con la proroga della dichiarazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19. Alle restrizioni previste dal DPCM si sommano le disposizioni previste dall'Ordinanza della Regione Lombardia firmata dal Presidente Attilio Fontana il 22 ottobre e valida fino al 13 novembre.

Di seguito sono riportate le principali novitÓ introdotte dal DPCM a cui si integrano le restrizioni dell'Ordinanza Regionale: 
 

Limitazioni agli spostamenti:

  • Su tutto il territorio della Regione Lombardia, dalle ore 23.00 alle ore 5.00 del giorno successivo, sono consentiti solo gli spostamenti motivati da esigenze lavorative, situazioni di necessitÓ, situazioni di urgenza o motivi di salute. ╚ consentito in ogni caso fare rientro presso il proprio domicilio, dimora o residenza. Per giustificare gli spostamenti sarÓ necessario esibire una autodichiarazione.
  • ╚ fortemente raccomandato NON spostarsi dal proprio Comune nÚ con mezzi pubblici nÚ con mezzi privati, se non per i motivi sopra espressi e riguardanti necessitÓ legate al lavoro, alla salute, allo studio e a situazioni di necessitÓ o urgenza.

Limitazioni alle aperture della strutture di vendita:

  • In base all'Ordinanza Regionale, le grandi strutture di vendita e i centri commerciali saranno chiusi il sabato e la domenica, fatta eccezione per i punti vendita di alimentari, prodotti per l'igiene della casa e della persona, le farmacie e le parafarmacie, gli alimenti e i prodotti per gli animali, le piante i fiori, le tabaccherie e le rivendite di monopoli.
  • ╚ fatto obbligo sia per gli esercizi commerciali al dettaglio che per gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande di esporre all'ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo.
  • Gli esercizi commerciali al dettaglio e quelli di somministrazione devono adottare regole di accesso, in base alle caratteristiche dei locali, in modo da evitare assembramenti e assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra i clienti.
  • Le medie e grandi strutture di vendita devono garantire il distanziamento interpersonale, dando prioritÓ a modalitÓ (app, internet etc.) di prenotazione dell'accesso all'esercizio.

Bar, ristoranti e consumo di alimenti e bevande:

  • Le attivitÓ degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande sia su area pubblica che su area privata (fra cui, a titolo esemplificativo, bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie, rosticcerie, pizzerie, chioschi, bar mobili) sono consentite dalle ore 5.00 sino alle ore 18.00, con consumo al tavolo, e con un massimo per tavolo di quattro persone (in tale numero non sono computati conviventi e congiunti).
  • Resta sempre consentita la ristorazione d'asporto e/o con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l'attivitÓ di confezionamento che di trasporto, fino alle ore 23.00.
  • ╚ vietata dalle 18.00 alle 5.00 la consumazione di alimenti e bevande su aree aperte al pubblico.
  • Inoltre, in base all'Ordinanza della Regione Lombardia, il consumo di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione nelle aree pubbliche compresi parchi, giardini e ville aperte al pubblico Ŕ sempre vietato.

Scuole:

  • Dal 26 ottobre, didattica a distanza al 100% per tutte le scuole secondarie di secondo grado giÓ organizzate. Per le altre scuole superiori sono raccomandati ingressi scaglionati.
  • Per le altre scuole (asili nido, scuola materna, elementari e scuole medie) prosegue la didattica in presenza.

Cinema e teatri:

╚ sospesa l'attivitÓ di teatri, cinema; sono cancellati concerti, convegni e congressi.

Sport:

  • Le palestre, le piscine e i centri benessere sono chiusi fino al 24 Novembre.
  • Per lo sport di contatto dilettantistico restano sospese gare e competizioni locali, provinciali e regionali. 
  • ╚ consentita l'attivitÓ sportiva e motoria all'aperto mantenendo un distanziamento di almeno 2 metri.

Fiere e sagre:

Divieto di svolgimento delle fiere di comunitÓ e delle sagre.

 

Allegati:


 
Ultima Modifica: 26/10/2020