Comunicazione Trasparenza Servizio Rifiuti

(delibera Arera n. 444/2019)
Le informazioni contenute in questa pagina sono finalizzate all'adempimento degli obblighi di trasparenza sul servizio rifiuti, secondo quanto prescritto dall'Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente (Arera) con deliberazione n. 444/2019.

RIDUZIONI TARIFFARIE (PUNTO 3.1 LETTERA K)

Riduzioni per UTENZE DOMESTICHE

La tariffa TARI 2020 si applica, in misura ridotta nella quota variabile, alle utenze domestiche che presentano le caratteristiche di seguito elencate: 
riduzione del 20%
abitazioni con un unico occupante, con età uguale o superiore ai 65 anni e con reddito complessivo non superiore ad euro annui 13.000,00 (tredicimila/00) - Condizione soggetta a dichiarazione;
riduzione del 20%
abitazioni tenute a disposizione, di cui all'articolo 16, comma 5, del presente Regolamento - Condizione soggetta a dichiarazione;
riduzione del 20%
abitazioni tenute a disposizione da parte di soggetti che risiedano per più di sei mesi all'anno all'estero - Condizione soggetta a dichiarazione. 
riduzione del 20%, sulla parte variabile della tariffa
Utenze domestiche, possedute o detenute sia da soggetti residenti che da non residenti, che dichiarino di smaltire in proprio gli scarti compostabili mediante compostaggio domestico.

Riduzioni per UTENZE NON DOMESTICHE CHIUSE CAUSA COVID-19

Per quanto concerne le imprese e le attività economiche rimaste inattive nel corso del 2020 a causa della chiusura imposta nel periodo di lockdown, l'Amministrazione Comunale ha stabilito e finanziato con proprie risorse una riduzione pari al 30% sulla parte variabile della TARI, in base alle tabelle 1a, 1b e 2, stabilite da ARERA con delibera n. 158 del 5 maggio 2020.

Riduzioni per RICICLO

Per le utenze non domestiche che producono rifiuti assimilati agli urbani e che vengono avviati al riciclo direttamente o tramite soggetti autorizzati, la quota variabile della Tassa viene corrispondentemente ridotta della misura massima del 30% (trenta) in caso di riciclo integrale dei rifiuti prodotti, ovvero in misura proporzionale in caso di riciclo parziale degli stessi, tenuto conto della misura percentuale massima sopra individuata.

La riduzione fruibile, in ogni caso non superiore al 30% (trenta) della quota variabile della Tassa dovuta dall'utenza, è calcolata in misura proporzionale, in ragione delle quantità di rifiuti assimilati effettivamente avviate al riciclo, rapportate ai quantitativi di rifiuti prodotti, calcolati in base ai coefficienti di produzione Kd stabiliti con deliberazione di Consiglio Comunale per ciascuna categoria di utenza non domestica.

Riduzioni per INFERIORI LIVELLI DI PRESTAZIONE DEL SERVIZIO

La Tassa è ridotta nella misura del 60% (sessanta), tanto nella parte fissa quanto nella parte variabile, per le utenze poste a una distanza superiore a 1.500 metri dal più vicino punto di conferimento. A tal fine, la distanza viene calcolata a partire dal ciglio della strada pubblica, escludendo, quindi, le eventuali vie di accesso private agli insediamenti.

La Tassa è dovuta nella misura del 20% (venti) nei periodi di mancato svolgimento del servizio di gestione dei rifiuti, ovvero di effettuazione dello stesso in grave violazione della disciplina di riferimento, nonché di interruzione del servizio per motivi sindacali o per imprevedibili impedimenti organizzativi, ipotesi tutte che abbiano determinato una situazione riconosciuta dall'autorità sanitaria di danno o pericolo di danno alle persone o all'ambiente.

ULTERIORI AGEVOLAZIONI E RIDUZIONI

Il Comune riconosce una riduzione del 20% (venti) della Tassa complessivamente dovuta per la categoria merceologica di appartenenza, ai gestori di pubblici esercizi che:

  • a)  rinunciano formalmente all'utilizzo di slot machine, videolottery, o apparecchi con vincita in denaro, attualmente installati nei propri locali.
  • b)  pur in possesso dei requisiti di legge, dichiarano di rinunciare all'installazione di slot machine, videolottery, o apparecchi con vincita in denaro; 
  • c)  che hanno aderito alla campagna "No slot", presentando negli anni precedenti la dichiarazione a tal fine prevista e che mantengono in essere i requisiti richiesti per l'applicazione della riduzione in argomento, essendo in regola con il versamento della Tassa dovuta a partire dall'anno 2014.

Il Comune riconosce una riduzione della Tassa sui rifiuti in favore di imprese ammesse e selezionate in relazione a bandi indetti da amministrazioni pubbliche, o con la partecipazione delle stesse, finalizzati allo sviluppo dell'imprenditorialità e dell'occupazione. L'entità della riduzione è pari al 30% (trenta) del tributo complessivamente dovuto e viene riconosciuta a seguito di presentazione di apposita istanza debitamente documentata per un periodo massimo che intercorre dal sorgere del presupposto (decorrenza della tassazione) fino a tutto il secondo anno successivo al medesimo.

Ai sensi dell'articolo 9bis del Decreto Legge 28 marzo 2014, n. 47,   coordinato con la Legge di conversione 23 maggio 2014, n. 80, il Comune riconosce una riduzione pari ai due terzi della Tassa dovuta per le utenze domestiche possedute a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia da cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato (iscritti AIRE), già pensionati nei rispettivi paesi di residenza, a condizione che le stesse non risultino locate o date in comodato d'uso. La riduzione viene riconosciuta a seguito di presentazione di apposita istanza e decorre dal 1° gennaio dell'anno successivo a quello di presentazione dell'istanza medesima.

Riduzioni per UTENZE NON DOMESTICHE CHE EFFETTUANO CESSIONE DELLE ECCEDENZE ALIMENTARI

Riduzione fino ad un massimo del 20% (venti) della quota variabile della Tassa dovuta alle utenze non domestiche relative ad attività commerciali, industriali, professionali e produttive in genere, che producono o distribuiscono beni alimentari, di cui alle categorie
n. 23 Mense, birrerie, amburgherie",
n. 25 Supermercato, pane e pasta, macelleria, salumi e formaggi, generi alimentari",
n. 26 Plurilicenze alimentari e/o miste",
n. 28 Ipermercati di generi misti",

e che, a titolo gratuito, cedono direttamente o indirettamente tali beni alimentari idonei al consumo umano ai soggetti di cui all'articolo 2, comma 1, lettera b), della Legge 19 agosto 2016, n. 166, ai fini della loro destinazione, in forma gratuita, prioritariamente a favore di persone indigenti ed in maggiori condizioni di bisogno, è riconosciuta una 

La riduzione è applicata ai locali in cui si producono o distribuiscono i beni ceduti e viene determinata in misura proporzionale, in ragione delle quantità effettivamente cedute, rapportate ai quantitativi di rifiuti prodotti, calcolati in base ai coefficienti di produzione Kd stabiliti con deliberazione di Consiglio Comunale per ciascuna categoria di utenza non domestica.

CUMULO DI RIDUZIONI ED AGEVOLAZIONI

Qualora si rendessero applicabili più riduzioni o agevolazioni, il cumulo delle stesse non può portare ad un abbattimento maggiore del 80% (ottanta) della Tassa sui rifiuti annuale dovuta.

 

 
Ultima Modifica: 18/11/2020