Comunicato Stampa

 

PIÙ PREVENZIONE PER L'«EMERGENZA MINORI»

 

Ben 167 minori in carico al Comune, di cui 40 in assistenza domiciliare e 41 affidati alle comunità specializzate. In 5 anni un aumento del 42% dei minori di cui devono occuparsi i servizi sociali. E una spesa per aiutarli che si aggira sui 650.000 euro l'anno: 15 euro per ciascun lissonese.

I numeri del disagio minorile a Lissone purtroppo continuano a crescere: dal 2008 ad oggi sono quasi raddoppiati i casi in carico. Prendendo ad esempio la sola assistenza domiciliare, nel 2012 i servizi comunali hanno erogato ben 4603 ore di assistenza, l'87% in più rispetto a 5 anni prima; l'età media degli assistiti è di 12 anni, ma la classe più a rischio riguarda i maschi tra i 14 e i 16 anni e i mesi più affollati sono marzo e ottobre. Un terzo degli interventi si risolve in un anno, però la media è di 2 anni e tre mesi e in alcuni casi si arriva anche a 7 anni...

Davanti a cifre di questa portata, i servizi sociali comunali hanno deciso con coraggio di non stare ad attendere il futuro ma - unici in Provincia, in tempi di crisi generale - di potenziare gli investimenti nella prevenzione. E' nato così un apposito progetto di «Servizio di  psicologia scolastica di individuazione precoce del disagio evolutivo», che durerà per tutto il corrente anno scolastico in tutte le scuole lissonesi, dalla materna (paritarie comprese) alle secondarie di primo grado. Un pedagogista e uno psicologo scolastico, coordinati da un esperto, compiranno una «lettura» delle dinamiche relazionali nelle classi, per individuare eventuali situazioni di disagio e supportare i docenti con l'indicazione di strategie educative opportune, coinvolgendo - se è il caso - anche le famiglie interessate e i servizi sociali comunali.

Il progetto, che è stato messo a bando nella scorsa estate per un impegno complessivo di circa 850 ore e un investimento di 25.000 euro, è stato affidato a «La grande casa» di Sesto San Giovanni, una cooperativa sociale che da vent'anni si occupa di minori vulnerabili e famiglie in difficoltà. La prevenzione sul disagio minorile, svolta anche gli anni scorsi con modalità diversa e minori risorse, riceve dunque a Lissone un deciso potenziamento; sarà curato soprattutto il raccordo con i servizi sociali, in modo da seguire i casi critici fin dagli anni della scuola dell'infanzia ed evitare che diventino cronici.

Lissone 24/09/2013

 
 
 
2008
2009
2010
2011
2012
Minori in carico con provvedimento del Tribunale
83
96
93
105
130
Minori in carico casi sociali
35
32
44
33
37
Totale minori in carico
118
128
137
138
167
% di aumento rispetto all'anno preced.
 
8%
7%
1%
21%
% di aumento 2012 rispetto a 2008
 
 
 
 
42%
Minori in assistenza domiciliare
24
28
28
37
40
costo totale assistenza domiciliare minori
54.219,79
76.413,15
89.500,78
85.833,38
114.016,99
costo medio annuo ass. domiciliare
2.259,16
2.729,04
3.196,46
2.319,82
2.850,42
Minori in comunità
25
33
31
34
41
costo totale minori in comunità
653.198,80
638.181,91
594.568,44
452.320,65
543.965,10
costo medio annuo minori in comunità
26.127,95
19.338,85
19.179,63
13.303,55
13.267,44
 
 
 
Ultima Modifica: 04/10/2013