Diario in comune

 

22 novembre 2021

Due nuovi Maestri del Lavoro

 

L'articolo 1 della nostra Costituzione recita testualmente: "L'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro", un fondamento che consente il progresso del nostro Stato e delle nostre comunità locali.

È grazie all'impegno di chi ogni giorno lavora con passione e dedizione, facendolo con entusiasmo per molti anni, che le nostre imprese hanno potuto raggiungere eccellenti traguardi a livello internazionale, affrontando l'evoluzione dei mercati e reggendo il peso di una concorrenza sempre più agguerrita.

Lissone- Diario in Comune - Due nuovi Maestri del Lavoro

Lo scorso sabato 20 novembre, nella sede di Assolombarda, alla presenza delle autorità provinciali fra cui il vice-prefetto dott. Beaumont Bertone, sono state consegnate le Stelle al merito a 21 nuovi Maestri del lavoro residenti in Provincia di Monza e Brianza. Fra loro, con orgoglio, ci sono anche due lissonesi.

Ad averla ricevuta sono stati Angelo Bernasconi della Ibm di Segrate e Roberto Villa della KSB Italia di Concorezzo. Dietro ai loro volti ci sono anni di fatica, di nuovi traguardi raggiunti, di obiettivi che hanno stimolato la creatività e la capacità di superare le problematiche.

 

Angelo Bernasconi e Roberto Villa sono uno straordinario esempio di cosa rappresenti il capitale umano, un patrimonio immateriale di conoscenze che è il vero patrimonio per aziende ambiziose, determinate.

Il riconoscimento che hanno ricevuto è qualcosa di esclusivo. I Maestri del Lavoro sono quei cittadini che vengono decorati con la "Stella al Merito del Lavoro" conferita con Decreto del Presidente della Repubblica e che comporta il titolo di "Maestro del Lavoro". I riconoscimenti sono destinati a lavoratori con almeno cinquant'anni di età e 25 anni di attività lavorativa.

I Maestri del Lavoro sono un esempio di operosità e professionalità, un patrimonio di conoscenze e competenze da trasmettere alle giovani generazioni. Grazie alla loro capacità, hanno saputo essere un vanto ed un orgoglio per le aziende nelle quali hanno lavorato. Uomini che non sono stati dei semplici dipendenti per le imprese in cui hanno lavorato, ma dei talenti su cui costruire un futuro solido.


 
Ultima Modifica: 22/11/2021