MENU

Diario in Comune

 

26 settembre  2019

 

Prendiamoci cura, tutti insieme, di Lissone

 

Cari Cittadini,

 

in queste ultime settimane, nella città di Lissone si sono susseguiti atti di bullismo e di vandalismo correlati con comportamenti offensivi, avvenuti nelle Piazze del Centro e nei luoghi di transito.

 

Faccio in particolare riferimento ad alcuni episodi avvenuti in questi ultimi giorni: un cassonetto per l'immondizia dato alle fiamme, il danneggiamento di arredo urbano e soprattutto la ripetuta violenza verbale con linguaggio blasfemo nei confronti di persone (anziane, ma non solo!) contraddistinta da una continua ricerca della sfida e dell'affronto, oltre che la volontà di "segnare" il territorio e di considerare lo spazio pubblico come proprio.

 
 

Spiace constatare che gli autori di questi gesti, pericolosamente posizionati nella delicatissima linea fra bullismo e aggressività, siano ragazzi in età pre-adolescenziale, la gran parte dei quali frequentanti la scuola dell'obbligo o i primissimi anni delle scuole superiori.

 

Viene da chiedersi cosa possa spingere dei giovani a rovinare il bene pubblico e il decoro urbano, mantenendo un atteggiamento di denigrazione ed insulto nei confronti delle persone che ogni giorno trascorrono serenamente le giornate nei luoghi di aggregazione.

 

In azione ci sono ragazzi e ragazze che vedono nella forza del gruppo l'occasione per fare ciò che, altrimenti, da soli non metterebbero in atto.

 

Serve, da parte della comunità, la costruzione di un'alleanza educativa che ci permetta di porre un freno a questi episodi.

 

Come Amministrazione Comunale, nei prossimi giorni convocheremo per la seconda volta un Tavolo di lavoro specificatamente dedicato alla problematica. Forze dell'ordine, associazioni, dirigenti scolastici, educatori e formatori siederanno, con me, per definire strategie di interventi che mirino tanto alla repressione di fenomeni vandalici quanto alla costruzione di nuovi modi di vivere lo spazio pubblico.

 

In questi giorni stiamo presidiando con Polizia Locale e Carabinieri i luoghi maggiormente oggetto di segnalazioni, controllo che continueremo a fare.

 

Occorre, però, che ciascuno faccia la propria parte.

 

Siamo certi che questi comportamenti siano messi in atto da una ristretta minoranza di ragazzi, ma ritengo ugualmente opportuno richiamare l'attenzione delle famiglie e dei ragazzi alle regole del vivere civile.

 

Non possiamo regolare ogni comportamento con "leggi": il rispetto delle regole sta alla base della convivenza reciproca.

 

Il raggiungimento in ogni ragazzo di competenze di vita passa da un lungo percorso personale e collettivo che inizia fin da bambini. Un percorso che va costruito di continuo.

 

Mi preoccupa, nel duplice ruolo di Amministratore e di genitore, assistere a ripetute azioni che possano essere il preludio per episodi ancor più gravi di illegalità. Non vorrei che il cestino vandalizzato oggi fosse la premessa per azioni delittuose di ancor maggiore gravità.

 

Chiedo, in particolare, di non voltare la testa dall'altra parte quando si assiste ad un'azione vandalica o di chiedere la collaborazione delle Forze dell'ordine del nostro territorio qualora si manifestino episodi di bullismo.

 

Chiedo, inoltre, di sensibilizzare i nostri figli al rispetto del bene collettivo. È fondamentale sapere luoghi di ritrovo o gli amici con cui i ragazzi hanno trascorso le ore destinate al divertimento.

 

Faccio quindi appello alle famiglie e ai genitori affinché, ognuno nel proprio ruolo, possano essere d'aiuto nella riflessione con i propri figli; chiedo anche di intervenire tempestivamente nei confronti di chi manifesta insofferenza verso il prossimo o dimostra scarso rispetto verso il patrimonio comune.

 

L'impegno del Comune c'è e va nella direzione di offrire ulteriori momenti aggregativi ai giovani del nostro territorio.

 

A tutti noi rivolgo un appello: sentiamoci parte di questa campagna educativa e contribuiamo a trasmettere un messaggio semplice: prendiamoci cura, tutti insieme, di Lissone.

 

 
 
Ultima Modifica: 27/09/2019