12 settembre 2012

 
 
 

Inizio dell'anno scolastico. E' una di quelle date importanti che hanno da sempre segnato la mia vita

 

Con l'inizio della scuola inizia un nuovo giro di giostra, di vita, di impegno. Il tempo della famiglia assume un'altra dimensione: l'essere genitori si deve necessariamente modificare e adattare alle regole e alle esigente dell'istituzione scolastica.
Crescono le aspettative, prendono maggiore consistenza preoccupazioni e responsabilità.
Per la prima volta dopo molti anni io non ci sarò, né come genitore, né come insegnante.
O piuttosto ci sarò da lontano, dall'esterno, a fianco.

 

 Ho preparato il posto, cercando di migliorarlo. E ora sto alla finestra.
 
 Rileggo una poesia :

 
 

" Dite:
è faticoso frequentare bambini.
Avete ragione.
Poi aggiungete:
bisogna mettersi al loro livello,
abbassarsi, inchinarsi,
curvarsi, farsi piccoli.

 

Ora avete torto.
Non è questo che più stanca.

 

E' piuttosto il fatto
di essere obbligati
ad innalzarsi
fino all'altezza dei loro sentimenti.
Tirarsi, allungarsi,
alzarsi sulla punta dei piedi.

 

Per non ferirli"

 
 

E allora voglio augurare a tutti i genitori e a tutti gli insegnanti di riuscire ad innalzarsi, in punta di piedi per raggiungere lo spettacolo dei sentimenti che ogni bambino con freschezza e fiducia ci consegna.

 

 A me auguro di riuscire a starvi vicina in questo percorso che sempre si rinnova e ha dell'incredibile.

 
 
Ultima Modifica: 12/09/2012