15 Settembre 2012
 
Carlotta Ferlito, Elisabetta Preziosa e Enus Mariani in Comune

 
 
 

 Riceviamo in Comune le atlete Carlotta Ferlito, Elisabetta Preziosa dopo la loro partecipazione alle Olimpiadi di Londra e la campionessa europea Enus Mariani.
Sono accompagnate dai loro allenatori e dai dirigenti della Pro Lissone Ginnastica e della Ginnastica Artistica Lissonese.
I fotografi  e i giornalisti sono pronti ad immortalare e raccontare le emozioni di un momento.
Noi spendiamo parole di encomio e di elogio e consegniamo loro targhe e medaglie.

 

Tra le tante medaglie che hanno già ricevuto e che riceveranno, la nostra ha il significato del riconoscimento del sacrificio e dell'impegno che comporta il raggiungere un obiettivo, della costruzione di un percorso personale straordinario e della perseveranza nel raggiungere una perfezione sempre maggiore.

Un'organizzazione perfetta e degli allenatori esemplari hanno saputo intravedere in piccole bambine delle doti naturali e le hanno coltivate raggiungendo risultati insperati.

 

Guardo le ragazze e penso che sono state capaci di assecondare la loro predisposizione naturale e di lasciarsi guidare da professionisti attenti e così competenti da prendersi cura non solo del corpo, ma del pensiero e del cuore.

 

Infilo al collo la medaglia e so che ha il simbolo del riconoscimento di un sogno realizzato, sogno che è personale, ma anche collettivo, di tutta la società sportiva. Queste ragazze sono un "mito" per tutte le bambine che in palestra provano ad imitarle e sognano di essere come loro.
Enus, Carlotta, Elisabetta, così grandi e così tenere nella loro giovanissima età  regalano un sogno: possiamo farcela a raggiungere la vetta!

E in un'epoca come  questa, riuscire a sognare è fantastico!

 
Ultima Modifica: 17/10/2012