Comunicato Stampa

 

SIAMO ARRIVATI A QUOTA 45.000...

 

E' una donna di origini peruviane il 45.000° cittadino di Lissone. La signora, che si ricongiunge alla famiglia già residente dal 2009, ha completato la sua iscrizione all'anagrafe comunale il 2 febbraio, segnando il numero 3906 nella lista degli stranieri residenti e facendo raggiungere alla nostra città la fatidica cifra tonda della popolazione complessiva.

 
 

Lissone, già piazzatasi l'anno scorso al secondo posto tra i Comuni della provincia di Monza e Brianza, consolida così la sua posizione al ventesimo posto tra le località della Lombardia (nona assoluta per densità), scavalcando Lodi di qualche lunghezza. Su scala nazionale invece, dando adito ad alcune accreditate classifiche, Lissone sarebbe il 179° Comune sugli 8048 di tutto lo Stivale (30° per densità a livello nazionale), a un'incollatura da Cascina (Pisa) e Senigallia (Ancona), e l'84° contando solo quelli che non fanno provincia: il che significa che Lissone supera per abitanti 15 città capoluogo.

Lissone aveva abbattuto il muro dei 5000 abitanti nel 1881, ne contava oltre 15.000 al censimento del 1936 e superava i 30.000 nel 1971; la nostra città ha dunque triplicato i suoi abitanti in 80 anni. Ma - com'è noto - l'accelerazione demografica ha assunto proporzioni insolite dal 2000 in poi: in 15 anni la crescita è stata di 11.000 abitanti, con una media di circa 730 in più ogni anno.

Lissone, 4 febbraio 2015

 

Nella foto: la lapide posta sul fianco del vecchio municipio (Villa Magatti) con l'evoluzione della popolazione lissonese; ora è da aggiornare...

 

 
 
 
Ultima Modifica: 04/02/2015