Canone Unico Patrimoniale

Il canone di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria (nuovo canone unico) è stata introdotto dal 1° gennaio 2021 dalla Legge 27/12/2019, n. 160 e riunisce in una sola forma di prelievo le entrate relative all'occupazione di aree pubbliche e la diffusione di messaggi pubblicitari.

Tariffe invariate nel 2022

Anche a causa "del perdurare della grave emergenza sanitaria COVID-19" che determina una ripercussione negativa sul contesto socio-economico, si mantiene inalterata la pressione fiscale e tariffaria per quel che concerne i canoni comunali.
Rimarranno confermate per il 2022 le tariffe in vigore per Canone unico patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria e Canone di concessione delle aree mercatali.

CANONE PATRIMONIALE DI CONCESSIONE, AUTORIZZAZIONE O ESPOSIZIONE PUBBLICITARIA >>

CANONE PATRIMONIALE PER L'OCCUPAZIONE DI AREE MERCATALI >>

 

Abrogazioni

Sono abrogati i capi I e II del Decreto Legislativo n. 507/1993, gli articoli 62 e 63, del Decreto Legislativo n. 446/1997 e ogni altra disposizione in contrasto con le presenti norme.

Restano ferme le disposizioni inerenti alla pubblicità in ambito ferroviario e le norme che disciplinano la propaganda elettorale.

Il capo II del Decreto Legislativo n. 507/1993 rimane come riferimento per la determinazione della Tassa per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche appartenenti alle Regioni di cui agli articoli 5, Legge 16 maggio 1970, n. 281, e 8, Decreto Legislativo 6 maggio 2011, n. 68. Articolo 1, commi da 816 a 847, L. 27 dicembre 2019, n. 160 (G.U. 30 dicembre 2019, n. 304, S.O.)

 

 
Ultima Modifica: 17/11/2021