PIETRE D'INCIAMPO 2021

 
via Padre Reginaldo Giuliani,  n. 59 - Lissone
 

chi era Gian Franco De Capitani da Vimercate 

Lissone - Pietre d'Inciampo - Gian Franco De Capitani da Vimercate

Gian Franco De Capitani nasce a Lissone il 24 febbraio 1925, figlio di Giuseppe e di Carlotta Arosio. La famiglia, che abitava in Via Umberto I (l'attuale via Padre Reginaldo Giuliani), era composta da altri cinque fratelli e quattro sorelle. Dopo aver frequentato la scuola elementare "Vittorio Veneto", l'adolescenza trascorre fra gli studi all'istituto Ballerini di Seregno e le ore nella palestra di via Dante.
È atletico, si dedica alla corsa campestre e alla pesistica. Nell'autunno del 1943, gli agenti del regime convocano nella Casa del fascio (l'attuale Palazzo Terragni) Gian Franco e il padre Giuseppe, di idee socialiste. Per i fascisti Gian Franco è il figlio di un sovversivo. Su di lui, iniziano ad aumentare i controlli. Sabato 4 marzo 1944, ad appena 19 anni, Gian Franco viene fermato ad un posto di blocco tra Monza e Lissone: mentre è sul tram viene tratto in arresto e portato alla Villa Reale di Monza.
Matricola 57014, convoglio numero 32, Gian Franco viene deportato prima a Mauthausen, con un treno partito l'8 Marzo da Firenze, e poi nel sottocampo di Ebensee. Il 5 dicembre 1944, dopo nove mesi di prigionia, anche il fisico robusto di Gian Franco De Capitani viene stroncato. Nel 1965 la Provincia di Milano, nel 20° anniversario della Liberazione, conferisce ai parenti una medaglia d'oro alla memoria di Gian Franco, caduto per la libertà.

 
 
logo Comitato per le PIETRE D'INCIAMPO

Comitato per le PIETRE D'INCIAMPO

Il Comune di Lissone, insieme ai comuni di Cesano Maderno e di Seregno, ed in collaborazione con l'associazione Senza Confini di Seveso, è stato nel 2019 fra i promotori e fondatori del Comitato per le Pietre d'Inciampo. Nel 2020 hanno aderito al Comitato per le Pietre d'Inciampo anche altri 14 comuni della provincia di Monza e della Brianza.

 
 

 
Ultima Modifica: 20/01/2021